Copyright 2017 - Custom text here

Sii il cambiamento che vuoi vedere

 

Tutti dicono che cambiare le cose, trasformare il mondo, cambiare le mentalità, "aprire" i cuori è difficile se non addirittura impossibile. Hanno ragione.O almeno avranno ragione finchè ciascuno di noi non avrà la forza e il coraggio di abbandonare i propri egoismi, le proprie visioni falsate dalla paura, la sfiducia nel prossimo e l'eccessiva fiducia in se sstessi ... non è facile, lo so ... ma perchè continuiamo a lottare contro tutti quando invece basterebbe solo cominciare a VEDERE? Siamo così ossessionati da quello che gli altri possono dire. Possono fare e ci dimentichiamo di guardare al soggetto delle nostre azioni. IO. IO SONO ... IO PENSO ... IO VEDO ... IO SCELGO ... IO TRADISCO - (troppo spesso me stesso e per questo non riesco a vedere la purezza che ho intorno) IO ... IO sono RESPONSABILE di quello che accade, di quello che dico e di quello che non dico ... A me fa male vedere questa “grande bellezza” che è la vita sprecata in uno scaricabarile di opinioni, pregiudizi, inedie e soprattutto di mancata voglia di assumersi delle responsabilità per agire. Sono sempre dell'avviso che bisogna fare il possibile per cambiare le cose perchè la vita è la più grande ricchezza che ci è stata concessa ma, a volte, sembra di lottare contro i mulini a vento quando vedi che ognuno di noi, sta con il dito puntato verso gli altri ma verso noi stessi quel dito non lo giriamo mai. E così le cose non cambiano.

Tu sei il responsabile? No. E' il soggetto che è sbagliato. Noi siamo i responsabili. Ma ciascuno può agire per sé e pretendere il cambiamento in sé, non negli altri. Eppure ci ostiniamo ad aspettare che gli altri facciano qualcosa. Che gli altri cambino. Che gli altri agiscano. Che gli altri ci abbraccino, ci comprendano, si prendano cura di noi. Ma non è così. Tutto in questa vita è una reciprocità. Dalle mie azioni possono derivare infinite reazioni. Ecco perchè adesso è il momento di fare qualcosa Ora. Se voglio, posso.
Parola di Gg

 

 

 

 

_________
Pubblicato nella Rubrica: Parola di Gg (l'ecodicaserta)

 

 

 

f t g m