Copyright 2017 - Custom text here

Comandare è un'arte

 

Dirigere vuol anche dire "creare equilibri", trasformare gli errori in occasioni e laddove si sbaglia essere capace di riconoscerlo e chiedere "scusa" per poi rimediare all'errore con semplicità. Il vero capo è chi sa trasmettere forza anche nei piccoli gesti quotidiani con la vera UMILTA'.

Il capo non è chi comanda ma chi trasmette gli impulsi necessari per creare armonia. E' sbagliata l'idea che il capo, il maestro, il dirigente, chiamatelo come volete, incuta paura, terrore. Il vero leader sa farsi amare anche dettando le linee guida, anche "dirigendo" e "rimproverando".

Un rimprovero costruttivo, genera ammirazione. Un rimprovero inutile desolazione e odio.

Il leader non è un despota ma una guida che sa quel che vuole e sa come ottenerlo. Non urla, non aggredisce, non inveisce ma rispetta se stesso e il suo prossimo anche e sopratutto quando è un dipendente, un sottoposto o comunque qualcuno su cui ha potere decisionale. Non è facile essere il "capo". In giro ci sono troppi "capi di... " ma pochi uomini e donne dotati di vera leadership. Il leader è il vero MAESTRO.
Parola di Gg

 

 

 

 

 

_________
Pubblicato nella Rubrica: Parola di Gg (l'ecodicaserta)

f t g m